Intanto nel mondo

27 Agosto, 2021

Afghanistan
Il 26 agosto almeno 73 persone sono morte e più di 150 sono rimaste ferite quando due attentatori suicidi si sono fatti esplodere in mezzo alla folla all’aeroporto di Kabul, mentre alcuni uomini armati aprivano il fuoco. Tra le vittime dell’attentato, rivendicato dal gruppo Stato islamico, ci sono 13 soldati statunitensi. Poche ore dopo i voli umanitari in partenza dall’aeroporto sono ripresi. Secondo la Casa Bianca, più di centomila persone sono state portate fuori dal paese dal 14 agosto.
Thailandia
Il 26 agosto Thitisan Utthanaphon, capo della polizia della città di Nakhon Sawan, 250 chilometri a nord di Bangkok, si è consegnato alle forze dell’ordine dopo una fuga durata alcuni giorni. Thitisan era scomparso dopo la pubblicazione di un video che mostrava alcuni agenti torturare e uccidere un presunto spacciatore nel commissariato di Nakhon Sawan. La vittima aveva dei sacchetti di plastica intorno alla testa.
Etiopia
La Commissione etiopica dei diritti umani ha annunciato il 26 agosto che più di 210 persone sono morte la settimana scorsa negli scontri etnici avvenuti nella regione di Oromia, nell’ovest del paese. Secondo alcune testimonianze, il 18 agosto i ribelli dell’Esercito di liberazione oromo (Ola) hanno condotto un attacco in cui sono rimaste uccise circa 150 persone, provocando una serie di rappresaglie nei giorni seguenti.
Nigeria
Il 26 agosto Abubakar Alhassan, preside della scuola privata musulmana Salihu Tanko a Tegina, nello stato del Niger (ovest), ha annunciato la liberazione di decine di studenti rapiti il 30 maggio. Alhassan non ha chiarito se è stato pagato un riscatto. Dei 136 studenti rapiti, quindici erano riusciti a fuggire a giugno mentre sei erano morti in prigionia.
Germania-Siria
Il 26 agosto il tribunale di Düsseldorf ha condannato all’ergastolo Khedr A. K., un siriano del Fronte al nusra, gruppo affiliato ad Al Qaeda, per un crimine di guerra commesso in Siria nel luglio del 2012: l’omicidio filmato di un ufficiale dell’esercito siriano. L’autore del video, Sami A. S., è stato invece condannato a nove anni di prigione.
Stati Uniti
La Corte suprema ha revocato il 26 agosto una moratoria sugli sfratti voluta dal presidente Joe Biden per proteggere centinaia di migliaia di persone in difficoltà economiche a causa della pandemia. I sei giudici conservatori hanno votato a favore della revoca, mentre i tre progressisti hanno votato contro. Secondo la corte la moratoria, che scadeva a ottobre, doveva essere approvata dal congresso.
Sostieni Internazionale Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti. Contribuisci